Whistleblowers: l’Europa rafforza le tutele. Nuovi compiti anche per le aziende

News Lavoro - Studio Venturin - Padova
Maggiorazione contributo Naspi: in Uniemens con le paghe di ottobre
8 Novembre 2019
Scadenzario Fiscale
11 Novembre 2019: Caf o professionista abilitato: consegna al dipendente o pensionato del modello 730 integrativo e del prospetto di liquidazione
11 Novembre 2019
News Lavoro - Studio Venturin - Padova

Rispetto all’impianto normativo delineato dal legislatore italiano, la direttiva europea sui whistleblowers amplia il raggio di operatività delle tutele per chi denuncia violazioni sul luogo di lavoro. Un primo mutamento di prospettiva rispetto al sistema italiano, che dovrà essere profondamente modificato, entro il 2021, per recepire i principi eurounitari. Anche per le sanzioni ci dovranno essere dei cambiamenti: sarà necessario prevedere specifiche norme nei confronti delle persone fisiche e giuridiche che ostacolino le segnalazioni o che pongano in essere ritorsioni, vessazioni o che violino il diritto alla riservatezza dell’identità degli informatori; ma anche gli stessi whistleblowers, quando si accerti l'effettuazione di segnalazioni scientemente false, potranno essere sanzionati. Quindi, si dovrà andare ben oltre l’attuale dimensione nazionale delle tutele esclusivamente connessa alla adozione del modello di organizzazione e gestione del decreto 231 …

Fonte: IPSOA – Informazione quotidiana su fisco, lavoro e pensioni, bilancio, gestione d’impresa e finanziamenti.

Comments are closed.

Contatti