Vendite online a privati con IVA a destino dal 1° luglio 2021. A cosa fare attenzione

News Fisco - Studio Venturin Padova
Acconti e dichiarazione al 10 dicembre. In attesa del Ristori quater arriva la conferma del Mef
28 Novembre 2020
News Lavoro - Studio Venturin - Padova
Decreto Ristori quater: bonus da 1.000 a 800 euro per precari, autonomi e sportivi
30 Novembre 2020
News Fisco - Studio Venturin Padova

Dal 1° luglio 2021 qualunque vendita online ad un privato di altro Paese UE dovrà essere assoggettata all’IVA del Paese di destinazione. Non sarà, però, necessario identificarsi aprendo una partita IVA in ogni Paese in cui l’impresa ha clienti: il venditore potrà avvalersi della procedura informatica, accentrata presso la propria Amministrazione finanziaria, che consentirà di “fermarsi una sola volta” (one stop), versando distintamente l’IVA di ogni Paese. L’aspetto di (prevedibile) maggiore criticità riguarderà l’esatta individuazione dell’aliquota applicabile. A tal fine la Commissione europea metterà a disposizione un file con tutte le aliquote. Ma cosa potrà accadere in termini di accertamento e di contenzioso in un altro Stato? L’auspicio è che, in caso di errore, la contestazione sia limitata all’imposta e non si estenda alle sanzioni.Leggi tutto

Comments are closed.

Contatti