Vendite a distanza tramite piattaforme on line: come cambiano le regole dal 2021

News Impresa - Studio Venturin Commercialisti Padova
Sostenibilità: il nuovo Regolamento UE sull’informativa nei servizi finanziari
9 Dicembre 2019
News Lavoro - Studio Venturin - Padova
Invalidità civile: l’INPS semplifica la procedura di presentazione della domanda
10 Dicembre 2019
News Fisco - Studio Venturin Padova

Nei confronti del soggetto passivo che facilita, tramite l’uso di un’interfaccia elettronica, le vendite a distanza di beni viene introdotta una “finzione giuridica”: si considera, infatti, che tale soggetto abbia dapprima acquistato i beni, per poi rivenderli. In considerazione della suddivisione della cessione unica in due cessioni, è necessario determinare a quale di esse debba essere imputata la partenza della spedizione/trasporto dei beni, al fine di determinare correttamente il luogo di cessione. In proposito la direttiva UE n. 2019/1995 prevede che la partenza della spedizione/trasporto dei beni è imputata alla cessione effettuata dal soggetto che gestisce la piattaforma elettronica. È tale seconda cessione ad essere soggetta a IVA, mentre la prima si considera esente. In proposito, il regolamento n. 2019/2026/UE detta alcune disposizioni interpretative.Leggi tutto

Comments are closed.

Contatti