Vaccinazione e scudo penale per Covid-19: a che punto siamo

Ricongiunzione al ralenti
Ricongiunzione al ralenti
10 Luglio 2021
CIG in deroga o licenziamento: quale è la scelta più conveniente per le imprese in crisi
CIG in deroga o licenziamento: quale è la scelta più conveniente per le imprese in crisi
12 Luglio 2021
News Lavoro - Studio Venturin - Padova

Una vicenda come quella del vaccino AstraZeneca ha indotto a sollecitare uno scudo globale che “immunizzi” il personale addetto alla vaccinazione da qualsiasi responsabilità penale. La legge n. 76/2021, all’art. 3-bis, allarga lo scudo penale, rendendo “punibili solo nei casi di colpa grave” l’omicidio colposo e le lesioni personali colpose commessi “nell'esercizio di una professione sanitaria” (e non “dagli esercenti la professione sanitaria”) e durante lo stato di emergenza da Covid-19. Una disciplina transitoria che non si applica comunque ai reati per violazione degli obblighi del TUSL, come l’obbligo di valutazione del rischio Covid-19 per tutte le imprese. E, su questo fronte, non ci vuol molto a intravedere una “tentazione”.

Fonte: IPSOA – Informazione quotidiana su fisco, lavoro e pensioni, bilancio, gestione d’impresa e finanziamenti.

Comments are closed.

Contatti