Trasferta: indennità risarcitoria e retributiva. E’ soggetta a tassazione e contribuzione?

News Fisco - Studio Venturin Padova
Superbonus 110% a rischio reato: carcere fino a 8 anni per interventi fittizi o importi gonfiati
18 Luglio 2020
News Impresa - Studio Venturin Commercialisti Padova
Le trimestrali dell’hitech Usa e i dati della fiducia
20 Luglio 2020
News Lavoro - Studio Venturin - Padova

La distinzione tra trasferta e trasfertista è di particolare rilievo ai fini dell’applicazione, alle relative indennità, del corretto inquadramento fiscale e previdenziale. Le indennità ed i rimborsi corrisposti dall’azienda a titolo di trasferta, infatti, non rivestono natura reddituale e non sono conseguentemente assoggettate a tassazione e contribuzione, mentre le somme erogate ai trasfertisti sono imponibili nella misura del 50%. La Corte di Cassazione, accogliendo un ricorso presentato dall’Agenzia delle Entrate, ha affermato che l’indennità per le prestazioni lavorative svolte in trasferta ha una duplice funzione: restitutoria delle maggiori spese sopportate dal lavoratore e retributiva del maggior disagio. Quali sono le conseguenze per il datore di lavoro anche con riguardo all’elaborazione del LUL?

Fonte: IPSOA – Informazione quotidiana su fisco, lavoro e pensioni, bilancio, gestione d’impresa e finanziamenti.

Comments are closed.

Contatti