Superbonus 110% non spettante: il fornitore risponde solo se ha concorso alla violazione

News Fisco - Studio Venturin Padova
Se l’Ufficio contesta fatture oggettivamente inesistenti non deve dimostrare la malafede del contribuente
17 Settembre 2020
News Fisco - Studio Venturin Padova
Beni anti-Covid: quando si applica l’IVA agevolata
18 Settembre 2020
News Fisco - Studio Venturin Padova

I destinatari degli esiti dei controlli in materia di superbonus sono i beneficiari della detrazione (cioè coloro che sostengono le spese agevolate) e i fornitori in solido, nel caso di concorso nella violazione. Lo ha confermato l’Amministrazione finanziaria in risposta a una interrogazione parlamentare. Come emerge dalla circolare n. 24/E/2020, il fornitore che acquisisce il credito in buona fede non perde il diritto a utilizzare il credito d’imposta, che sarà recuperato nei confronti del beneficiario. Inoltre, la non veridicità delle attestazioni o asseverazioni comporta la decadenza dal beneficio e i soggetti danneggiati potranno adire le vie legali per ottenere il risarcimento del danno subito, garantito dalla polizza di assicurazione obbligatoria per i soggetti che rilasciano le attestazioni e le osservazioni.Leggi tutto

Comments are closed.

Contatti