Subappalti nei contratti pubblici: riforma in due fasi. Cosa cambia

News Lavoro - Studio Venturin - Padova
Dall’INPS via libera alle pratiche Cig Covid-19 in attesa di autorizzazione
8 Giugno 2021
News Fisco - Studio Venturin Padova
Conservazione e-fatture: serve una proroga
9 Giugno 2021
News Impresa - Studio Venturin Commercialisti Padova

Il decreto Semplificazioni prevede il progressivo abbandono delle soglie percentuali automatiche volte a limitare gli affidamenti in subappalto nei contratti pubblici. Le limitazioni al subappalto diventano residuali e vanno motivate in relazione a casi di particolare rilevanza predeterminate per legge. Alla base delle nuove disposizioni ci sono orientamenti europei ripresi anche dalla giurisprudenza amministrativa italiana. La maggiore libertà di impresa è però bilanciata dalla responsabilità solidale di appaltatore e subappaltatore nei confronti della stazione appaltante: più libertà d’azione comporta più responsabilità contrattuale. La riforma prevede due tappe: la prima con termine al 31 ottobre 2021 e la seconda con decorrenza dal 1° novembre 2021; quali sono in dettaglio gli interventi normativi e gli impatti pratico-operativi che accompagnano la roadmap?

Fonte: IPSOA – Informazione quotidiana su fisco, lavoro e pensioni, bilancio, gestione d’impresa e finanziamenti.

Comments are closed.

Contatti