Spese di ospitalità nel corso di rassegna cinematografica: non sono spese di pubblicità

News Lavoro - Studio Venturin - Padova
Assunzione di donne vittime di violenza: esonero contributivo per 3 anni
4 Febbraio 2019
News Fisco - Studio Venturin Padova
Regime forfetario: nuove condizioni di accesso senza efficacia retroattiva
4 Febbraio 2019
News Fisco - Studio Venturin Padova

Le spese di ospitalità sostenute nel corso di una rassegna cinematografica non possono essere qualificate come spese di pubblicità. Lo ha precisato l’Agenzia delle Entrate con la risposta a interpello n. 22 del 2019. Sono attratte nel regime delle spese di rappresentanza le spese di vitto rivolte a vip e testimonial, giornalisti, docenti e studenti di materie cinematografiche e umanistiche, relatori addetti del settore, consulenti esteri. Ciò in ragione del fatto che sono sostenute indistintamente per clienti e per altri destinatari. Vanno ricondotte alla categoria delle spese di rappresentanza anche le altre spese di ospitalità sostenute per vip e testimonial, giornalisti, docenti e studenti di materie cinematografiche e umanisticheLeggi tutto

Comments are closed.

Contatti