Sequestro legittimo per il commercialista che inviava le false dichiarazioni Iva apponendo il visto di conformità

News Fisco - Studio Venturin Padova
Sismabonus, acquisto di case antisismiche: la ricostruzione può determinare anche un aumento volumetrico
16 Settembre 2020
News Lavoro - Studio Venturin - Padova
Decreto Semplificazioni: come cambia il contenzioso sulle ispezioni di lavoro
17 Settembre 2020
News Fisco - Studio Venturin Padova

L’applicazione del sequestro prevenivo ai fini della confisca risponde all’esigenza di evitare l’aggravamento o il protrarsi delle conseguenze del reato, nonché l’agevolazione della commissione di altri. A tal fine, è richiesta la prova della sussistenza di indizi attestanti la presunta commissione del reato, affiancata dalla necessità di applicare la misura al fine di evitare le conseguenze connesse. Nel caso di specie, la Corte di Cassazione con la sentenza n. 26089 depositata il 16/9/2020, ha chiarito che è legittima l’applicazione a carico del commercialista che ha fornito un congruo contributo nella commissione di alcuni reati fiscali inviando false dichiarazioni Iva munite di visto di conformità.Leggi tutto

Comments are closed.

Contatti