Sanzioni amministrative per violazioni diverse dal CdS: le quietanze di pagamento sono esenti da imposta di bollo

News Lavoro - Studio Venturin - Padova
Appalto di servizi: il contratto non genera diritti azionabili autonomamente dal lavoratore
10 Settembre 2020
News Fisco - Studio Venturin Padova
Servizi di welfare aziendale: il regime fiscale agevolato
10 Settembre 2020
News Fisco - Studio Venturin Padova

Le quietanze di pagamento di sanzioni amministrative per violazioni diverse dal codice della strada, devono ritenersi esenti dall'imposta di bollo. Lo ha chiarito l’Agenzia delle Entrate con la risposta a interpello n. 330 del 10 settembre 2020. La normativa dispone l'esenzione in modo assoluto, dall'imposta di bollo, per gli atti e copie relativi al procedimento, anche esecutivo, per la riscossione dei tributi, dei contributi e delle entrate extratributarie dello Stato, delle regioni, delle province, dei comuni e delle istituzioni pubbliche di beneficenza, dei contributi e delle entrate extratributarie di qualsiasi ente autorizzato per legge ad avvalersi dell'opera dei concessionari del servizio nazionale di riscossione.Leggi tutto

Comments are closed.

Contatti