Ritenute fiscali negli appalti: con l’IVA teorica DURF anche per le imprese in split payment

News Fisco - Studio Venturin Padova
Tariffe incentivanti riconosciute dal Gestore dei Servizi Energetici: il modello di comunicazione all’Agenzia
9 Marzo 2020
News Fisco - Studio Venturin Padova
È online il Portale della lotteria degli scontrini
10 Marzo 2020
News Fisco - Studio Venturin Padova

La disciplina delle ritenute fiscali negli appalti non si applica se l’impresa che esegue le prestazioni di manodopera ottiene la certificazione di regolarità fiscale. Una delle condizioni per il rilascio riguarda la regolarità dei versamenti di imposte e ritenute: l’impresa deve aver eseguito versamenti complessivi per un importo non inferiore al 10% dell’ammontare dei ricavi/compensi risultanti dalle dichiarazioni. Le imprese che fatturano in split payment o in reverse charge rischiano, però, di non raggiungere questa percentuale, non assumendo lo status di debitori d’imposta per l’IVA. È allora possibile computare l’IVA teorica (quella cioè che sarebbe stata calcolata a debito): se i versamenti fiscali aumentati dell’IVA teorica supereranno il 10% dell’ammontare dei ricavi o compensi, questa condizione si intenderà rispettata.Leggi tutto

Comments are closed.

Contatti