Riders e piattaforme digitali: tutele e compenso minimo per lavoro autonomo e occasionale

News Lavoro - Studio Venturin - Padova
Incentivi contributivi alle assunzioni: ritardi amministrativi con costi per i datori di lavoro
20 Novembre 2020
News Fisco - Studio Venturin Padova
IMU immobili strumentali: illegittima l’indeducibilità integrale per il 2012
20 Novembre 2020
News Lavoro - Studio Venturin - Padova

E’ stata pubblicata la circolare del Ministero del lavoro n. 17 del 2020 che, a margine del confronto svolto con le parti sociali, chiarisce le tutele in materia di lavoro riconosciute ai ciclo-fattorini delle piattaforme digitali. I riders non possono essere retribuiti in base alle consegne effettuate, ma hanno diritto a un compenso minimo orario parametrato ai minimi tabellari stabiliti dai CCNL stipulati dalle associazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale. Inoltre, il contratto di collaborazione con il rider autonomo va stipulato in forma scritta. Ed infine a questa categoria di lavoratori va riconosciuta l’applicazione della disciplina antidiscriminatoria stabilita per i lavoratori subordinati.

Fonte: IPSOA – Informazione quotidiana su fisco, lavoro e pensioni, bilancio, gestione d’impresa e finanziamenti.

Comments are closed.

Contatti