Quick fixes IVA e prova del trasporto merci: tra esigenze di tutela degli operatori e lotta agli illeciti

News Fisco - Studio Venturin Padova
Servizi di cooperative sociali di tipo B: i termini per l’emissione della fattura elettronica
24 Gennaio 2020
News Impresa - Studio Venturin Commercialisti Padova
Banche centrali e bilanci Usa in attesa dei dati sul Pil
27 Gennaio 2020
News Fisco - Studio Venturin Padova

In base alla quick fix IVA sulla prova del trasporto delle merci, il possesso della documentazione prevista dal regolamento UE n. 282/2011 fa sorgere a favore degli operatori una presunzione opponibile all’Amministrazione finanziaria. Tale presunzione opera esclusivamente a favore del contribuente; se questi non è in possesso della documentazione richiesta, non si verifica una presunzione inversa a favore dell’Amministrazione finanziaria e l’operatore può provare l’avvenuto trasporto anche con documenti e mezzi di prova alternativi. D’altro canto, non si tratta di una presunzione legale assoluta, tale da privare l’Amministrazione finanziaria di qualsiasi possibilità di contestare la correttezza dell’operazione: l’Amministrazione finanziaria potrà rigettare la presunzione se dispone di elementi che provino che ciò che viene dichiarato nei documenti non corrisponde alla realtà.Leggi tutto

Comments are closed.

Contatti