Preavviso per licenziamento o dimissioni: cosa deve fare il datore di lavoro

05 Settembre 2021: Iscritti all’EPAP: versamento contributi secondo acconto 2021 (seconda rata)
05 Settembre 2021: Iscritti all’EPAP: versamento contributi secondo acconto 2021 (seconda rata)
4 Settembre 2021
Crisi, un ventaglio di soluzioni
Crisi, un ventaglio di soluzioni
6 Settembre 2021
Preavviso per licenziamento o dimissioni: cosa deve fare il datore di lavoro

Dallo scorso 1° luglio, ad eccezione dei settori e dei datori di lavoro per i quali continua a trovare applicazione il divieto di licenziamento, è possibile licenziare per giustificato motivo, individuale o collettivo. Strettamente connesso alla disciplina generale sull’interruzione del rapporto di lavoro, è il tema del preavviso, per il quale trova specifica applicazione la legge e la contrattazione collettiva. Preavviso che può essere lavorato o retribuito sotto forma di indennità sostitutiva, ovvero trattenuto in caso di mancato rispetto da parte del lavoratore in caso di dimissioni. Ma quali sono gli aspetti fondamentali dell’istituto del preavviso? Come deve comportarsi il datore di lavoro in caso licenziamento o dimissioni del lavoratore?

Comments are closed.

Contatti