Nuove semplificazioni IVA per il commercio elettronico diretto

News Fisco - Studio Venturin Padova
Superbonus 110% a rischio reato: carcere fino a 8 anni per interventi fittizi o importi gonfiati
18 Luglio 2020
News Impresa - Studio Venturin Commercialisti Padova
Le trimestrali dell’hitech Usa e i dati della fiducia
20 Luglio 2020
News Fisco - Studio Venturin Padova

In attuazione della direttiva n. 2017/2455/UE, il D.Lgs. n. 45/2020 ha recepito nell’ordinamento italiano alcune semplificazioni IVA relative al settore del commercio elettronico diretto. A essere specificamente disciplinate sono le regole territoriali dei servizi B2C e il sistema di funzionamento del MOSS, che consente al fornitore di evitare l’obbligo di identificazione IVA nei singoli Stati UE di consumo. In particolare, il luogo impositivo dei servizi elettronici non si identifica più con lo Stato membro del committente, ma – esattamente all’opposto – con lo Stato membro del prestatore, se il valore totale, al netto dell’IVA, dei servizi digitali effettuati nell’anno in corso e in quello precedente, non supera, per ciascun anno e per ciascuno Stato membro di consumo, il limite di 10.000 euroLeggi tutto

Comments are closed.

Contatti