Nota di variazione Iva: il cessionario può esercitare il diritto alla detrazione della maggiore Iva addebitata

News Fisco - Studio Venturin Padova
ALS tra Unione europea e Repubblica socialista del Vietnam: le modalità operative
21 Agosto 2020
News Impresa - Studio Venturin Commercialisti Padova
Vertenze occupazionali, calcio in vendita e offerte di titoli di Stato
22 Agosto 2020
News Fisco - Studio Venturin Padova

Al contribuente che abbia ricevuto, oltre il termine di presentazione della dichiarazione relativa all'anno in cui il diritto alla detrazione è sorto, una nota di variazione IVA in aumento, per correggere errori nella qualificazione della operazione originaria, non può essere precluso il diritto alla detrazione della maggiore IVA addebitatagli. Lo ha chiarito l’Agenzia delle Entrate con la risposta a interpello n. 267 del 21 agosto 2020, con cui ha specificato che in assenza di elementi di frode, il cessionario può esercitare il diritto alla detrazione delle maggiore IVA addebitata dal cedente mediante la nota di variazione in aumento.Leggi tutto

Comments are closed.

Contatti