Licenziamenti collettivi illegittimi: quando e a cosa deve fare attenzione il datore di lavoro

News Fisco - Studio Venturin Padova
Agevolazione Tremonti e Conto energia: la semplice definizione agevolata non è sufficiente
8 Aprile 2019
News Impresa - Studio Venturin Commercialisti Padova
Antiriciclaggio: da Bankitalia i nuovi assetti organizzativi
9 Aprile 2019
News Lavoro - Studio Venturin - Padova

Dopo la sentenza della Corte costituzionale n. 194 del 2018 il datore di lavoro non può più pre “quantificare” il costo del licenziamento (anche se collettivo) in caso di dichiarazione di illegittimità perché, caduto il criterio unico legato all’anzianità aziendale, il giudice può discrezionalmente deciderne l’importo, considerando altri fattori e avendo come limite massimo solo il tetto delle 36 mensilità. Unica eccezione il lavoratore disabile, assunto con contratto a tutele crescenti e avviato obbligatoriamente (o riconosciuto portatore di handicap durante il rapporto di lavoro) con una invalidità pari o superiore al 60% delle proprie capacità. Quali sono gli effetti della sentenza della Consulta sui licenziamenti collettivi?

Fonte: IPSOA – Informazione quotidiana su fisco, lavoro e pensioni, bilancio, gestione d’impresa e finanziamenti.

Comments are closed.

Contatti