Lavoro part-time: la differenza di trattamento deve essere giustificata da ragioni oggettive

News Fisco - Studio Venturin Padova
Il contrasto giurisprudenziale non comporta l’obiettiva condizione di incertezza della norma tributaria
3 Ottobre 2019
News Impresa - Studio Venturin Commercialisti Padova
Adeguati assetti organizzativi, amministrativi e contabili: tra obbligo e opportunità
4 Ottobre 2019
News Lavoro - Studio Venturin - Padova

Secondo la Corte di Giustizia UE è contraria alla normativa europea la normativa nazionale che fissa, per i lavoratori a tempo determinato, una durata massima dei rapporti di lavoro superiore per i lavoratori a tempo parziale rispetto ai lavoratori a tempo pieno comparabili, a meno che una tale differenza di trattamento sia giustificata da ragioni oggettive e sia proporzionata rispetto a dette ragioni, circostanza che spetta al giudice del rinvio verificare. Inoltre è contraria alla normativa europea, una normativa nazionale che fissa, per i lavoratori a tempo determinato, una durata massima dei rapporti di lavoro superiore per i lavoratori a tempo parziale rispetto ai lavoratori a tempo pieno comparabili, se risulta dimostrato che tale normativa incide negativamente su una percentuale significativamente più elevata di lavoratori di sesso femminile che di sesso maschile.

Fonte: IPSOA – Informazione quotidiana su fisco, lavoro e pensioni, bilancio, gestione d’impresa e finanziamenti.

Comments are closed.

Contatti