Lavoro irregolare e reddito di cittadinanza: attenzione alla maxi sanzione maggiorata del 20%

News Fisco - Studio Venturin Padova
Costi in fatture soggettivamente inesistenti deducibili anche in caso di mala fede
12 Dicembre 2019
News Impresa - Studio Venturin Commercialisti Padova
Operazioni societarie transfrontaliere più semplici con la nuova direttiva
13 Dicembre 2019
News Lavoro - Studio Venturin - Padova

La maxi sanzione per lavoro nero è aumentata del 20% in caso di impiego, senza preventiva comunicazione di instaurazione del rapporto di lavoro da parte del datore di lavoro privato, di lavoratori beneficiari del reddito di cittadinanza. L’Ispettorato del lavoro, con la nota prot. n. 7964 del 2019, ha chiarito che la maggiorazione si applica non solo quando il lavoratore “in nero” sia l’effettivo richiedente il RdC, ma anche quando è beneficiario il nucleo familiare a cui il lavoratore appartiene. Alla maxi sanzione per lavoro nero non è applicabile l’istituto della diffida, ma solo il pagamento in misura ridotta in base ai giorni di lavoro effettivo del lavoratore.

Fonte: IPSOA – Informazione quotidiana su fisco, lavoro e pensioni, bilancio, gestione d’impresa e finanziamenti.

Comments are closed.

Contatti