Lavoratori notturni senza tutele, ma in pensione prima. Un vero paradosso?

News Fisco - Studio Venturin Padova
False comunicazioni via pec: nuovi tentativi di phishing
13 Settembre 2019
News Lavoro - Studio Venturin - Padova
Contratto di espansione: come stipularlo
16 Settembre 2019
News Lavoro - Studio Venturin - Padova

Nonostante sia la forma più diffusa e trasversale di attività usurante, manca ancora una legislazione chiara sul lavoro notturno. Il legislatore si limita, infatti, a fornire la definizione di lavoratore notturno, ma omette di dettare una disciplina di dettaglio che lo tuteli, pur prevedendone l’uscita anticipata dal lavoro. Il che appare un paradosso. E’ come dire che la legislazione si impegna a mandare prima in pensione i lavoratori che trascorrono una buona parte della loro vita lavorativa in attività notturna, ma non fa nulla per impedire che questa forma di attività lavorativa sia in concreto limitata e regolata. Non sarebbe ora di garantire condizioni di lavoro che permettano di prolungare la vita lavorativa attiva senza rischi per la salute?

Fonte: IPSOA – Informazione quotidiana su fisco, lavoro e pensioni, bilancio, gestione d’impresa e finanziamenti.

Comments are closed.

Contatti