L’accordo di ristrutturazione può essere omologato anche in caso di diniego del fisco

News Impresa - Studio Venturin Commercialisti Padova
Fintech: al via il Comitato per la sperimentazione
5 Luglio 2021
Fallimenti, risponde la banca
Fallimenti, risponde la banca
6 Luglio 2021
L’accordo di ristrutturazione può essere omologato anche in caso di diniego del fisco

Il giudice può omologare l’accordo di ristrutturazione anche in caso di diniego espresso da parte dell’Agenzia delle Entrate o degli entri previdenziali. È questo il principio desumibile dal decreto di omologazione del Tribunale di Roma depositato il 2 luglio 2021. Il Tribunale scioglie in questo modo il dilemma intrinseco alla formulazione della norma secondo il quale è dubbio se l’omologazione “forzata” sia possibile soltanto nelle ipotesi in cui il fisco e gli enti previdenziali siano rimasti inerti e non abbiano quindi risposto alle proposte formulate dal debitore, oppure se il potere di omologare l’accordo di ristrutturazione competa anche qualora gli enti pubblici abbiamo risposto negativamente.

Comments are closed.

Contatti