Italia-Cina: il coronavirus mette a rischio import, export e investimenti

News Fisco - Studio Venturin Padova
Partecipazione ad un concorso artistico: il trattamento IVA applicabile
19 Febbraio 2020
News Lavoro - Studio Venturin - Padova
Pensioni: nuovo semestre di silenzio assenso per rilanciare i fondi pensione
20 Febbraio 2020
News Impresa - Studio Venturin Commercialisti Padova

La frenata dell’economia cinese per effetto del coronavirus si estenderà a breve al resto del mondo. L’impatto sulla ricchezza annuale prodotta dalla Cina varia, a seconda delle stime, tra il 2 e l’1% del PIL; considerando che il Paese rappresenta una sorta di grande fabbrica mondiale, gli effetti congiunturali sull’economia globale potrebbero determinare un rallentamento della crescita dell’1%. E si tratta di stime prudenziali. Ma quanto incide lo scambio con la Cina sull’economia italiana? Nel 2018, l’Italia ha esportato in Cina più di 13 miliardi di euro, importando all’incirca 31 miliardi di euro (soprattutto prodotti per la componentistica, tessile e manifatture). L’export pesa sui bilanci delle imprese per il 2,8% dei volumi totali, l’import per il 7,3%. Quanto peserà il coronavirus?

Fonte: IPSOA – Informazione quotidiana su fisco, lavoro e pensioni, bilancio, gestione d’impresa e finanziamenti.

Comments are closed.

Contatti