Invito al contraddittorio: attenzione ai termini di decadenza per gli accertamenti 2014 e 2015

News Fisco - Studio Venturin Padova
Bonus Vacanze: le risposte del Ministero
2 Luglio 2020
News Fisco - Studio Venturin Padova
Split payment: l’Italia è autorizzata fino al 30 giugno 2023
3 Luglio 2020
News Fisco - Studio Venturin Padova

La data di notifica dell’invito al contraddittorio, obbligatorio per gli avvisi di accertamento emessi dal 1° luglio, potrebbe determinare la non applicazione della proroga della notifica degli accertamenti relativi al periodo d’imposta 2015 (o 2014 per omessa dichiarazione) prevista dal decreto Rilancio. In base al decreto Crescita 2019, infatti, se l’Agenzia delle Entrate invita il contribuente al contraddittorio in un termine inferiore a 90 giorni rispetto al naturale termine di decadenza, questo stesso termine automaticamente si proroga di 120 giorni. Pertanto, in caso di invito al contraddittorio al 5 ottobre 2020 (88 giorni al 31 dicembre 2020), il termine di decadenza per l’anno 2015 (o 2014) automaticamente slitterebbe al 30 aprile 2021, impedendo di fatto l’applicazione della proroga prevista dal decreto Rilancio.Leggi tutto

Comments are closed.

Contatti