Il contraddittorio obbligatorio conduce all’accertamento a motivazione rafforzata

News Fisco - Studio Venturin Padova
Bonus vacanze: chi come e quando
4 Luglio 2020
News Lavoro - Studio Venturin - Padova
Procedura “RI-Recupero indebiti”: pagamento all’INPS con il sistema PagoPA
6 Luglio 2020
News Fisco - Studio Venturin Padova

Con il contraddittorio obbligatorio in vigore dal 1° luglio, ben poco cambia nella fase amministrativa. Cambierà, invece, la prospettiva della fase contenziosa: ora vi dovrà essere una rigorosa connessione tra le risultanze del contraddittorio e la motivazione del futuro avviso di accertamento, gli uffici fiscali avranno l’obbligo di argomentare “le ragioni del relativo mancato accoglimento” degli elementi offerti dal contribuente durante le convocazioni. In altri termini, sarà ora specificamente eccepibile in giudizio l’eventuale “pigrizia argomentativa” dei funzionari delle Entrate e, all’esito di un contraddittorio negativo, il Fisco non potrà più genericamente dare atto nei verbali “di aver valutato ma di non aver accolto le ragioni del contribuente”, oppure “di aver ritenuto insufficiente ai fini probatori la documentazione prodotta”.Leggi tutto

Comments are closed.

Contatti