I costi delle operazioni soggettivamente inesistenti sono deducibili

News Lavoro - Studio Venturin - Padova
Collaboratori familiari – lavoro domestico: modifiche al rinnovo 8 settembre 2020
30 Settembre 2020
News Lavoro - Studio Venturin - Padova
Emersione rapporti di lavoro: modalità di versamento del contributo forfettario
30 Settembre 2020
News Fisco - Studio Venturin Padova

In caso di operazioni soggettivamente inesistenti è ammessa la deduzione dei costi dal reddito di impresa, anche se da terzi fatturati purchè rientranti nella categoria di quelli deducibili e, non oggetto di una pronuncia del giudice penale di rinvio a giudizio oppure di non doversi procedere per una causa di estinzione del reato. Non è altresì una causa di esclusione il consapevole coinvolgimento dell’acquirente nelle operazioni. A chiarirlo è la Corte di Cassazione nella sentenza n. 20831 depositata il 30 settembre 2020.Leggi tutto

Comments are closed.

Contatti