Fusione inversa e riporto delle perdite: quando ricorrere all’interpello disapplicativo

News Fisco - Studio Venturin Padova
Accertamento standardizzato nullo se è stato omesso il contraddittorio preventivo
12 Novembre 2020
News Impresa - Studio Venturin Commercialisti Padova
Enti del Terzo settore: riaperti i termini per le modifiche statutarie
13 Novembre 2020
News Fisco - Studio Venturin Padova

Sono molti i contribuenti che ricorrono all’interpello disapplicativo, in particolare nelle operazioni di fusione e di scissione, per poter riportare perdite pregresse, eccedenze di interessi passivi e di ACE. Le diverse risposte rese in proposito dall’Agenzia delle Entrate hanno, tuttavia, una valenza limitata al singolo caso concreto prospettato dall’interpellante. Società che si trovano in condizioni identiche non possono optare autonomamente per il riporto delle perdite (o delle eccedenze di interessi passivi o di ACE) sulla base di una semplice applicazione analogica: dovranno necessariamente passare attraverso un interpello disapplicativo. Il riferimento agli interpelli precedenti può essere, però, un utile supporto per verificare il modo migliore di strutturare la propria richiesta.Leggi tutto

Comments are closed.

Contatti