Fatture soggettivamente inesistenti: onere della prova dell’Ufficio da assolvere anche in via presuntiva

News Impresa - Studio Venturin Commercialisti Padova
Decreto Rilancio: nuovi incentivi per auto Euro 6 e proroga dei contratti a termine
6 Luglio 2020
News Fisco - Studio Venturin Padova
Compensi da corrispondere ai giudici di pace: quale trattamento fiscale?
6 Luglio 2020
News Fisco - Studio Venturin Padova

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 13844 depositata il 6 luglio 2020, ha ribadito che in caso di contestazione di fatture soggettivamente inesistenti è a carico dell’Agenzia l’onere di dimostrare che il contribuente sapesse o fosse in condizione di sapere dell’esistenza della frode Iva; solo a questo punto il soggetto verificato deve fornire la prova contraria. Inoltre, se è vero che le prestazioni soggettivamente inesistenti non comportano l’automatica indeducibilità dei costi ai fini delle imposte dirette, è comunque necessario che gli stessi siano inerenti all’attività di impresa, essendo un requisito comunque generale per la loro deducibilità.Leggi tutto

Comments are closed.

Contatti