Fallimento: istanze improcedibili fino al 30 giugno. E dopo?

News Lavoro - Studio Venturin - Padova
Riscatto pensione: aggiornati i criteri per la domanda
14 Maggio 2020
News Fisco - Studio Venturin Padova
Depositari autorizzati: l’invio telematico dei dati degli scontrini dei rifornimenti diretti
15 Maggio 2020
News Impresa - Studio Venturin Commercialisti Padova

In considerazione delle difficoltà economiche incontrate dalle imprese a causa del Coronavirus e della prevedibile crescente presentazione delle istanze di fallimento, con il decreto Liquidità, si è optato per l’improcedibilità delle domande presentate tra il 9 marzo e il 30 giugno 2020. Si tratta di una misura eccezionale e temporanea con cui si è voluto concedere agli imprenditori un periodo di tempo per valutare soluzioni alternative al superamento della crisi di impresa. Occorre tuttavia chiedersi se Il termine del 30 giugno risulta adatto e sufficiente a contenere adeguatamente i rischi di fallimento per un rilevante numero di imprese italiane derivante da una chiusura obbligatoria, per fattori esogeni alle stesse. Saranno necessari ulteriori interventi per evitare il solo effetto di un differimento del fallimento di molte aziende?

Fonte: IPSOA – Informazione quotidiana su fisco, lavoro e pensioni, bilancio, gestione d’impresa e finanziamenti.

Comments are closed.

Contatti