Direttiva DAC6: obbligo di segnalazione retroattivo e ad ampio raggio

News Fisco - Studio Venturin Padova
Attività spettacolistiche: rimessa in vendita e cambio utilizzatore dei titoli d’ingresso solo con costo per intermediazione
2 Marzo 2020
News Fisco - Studio Venturin Padova
Coronavirus, non basta sospendere i versamenti: servono scelte fiscali coraggiose
3 Marzo 2020
News Fisco - Studio Venturin Padova

Lo scambio automatico obbligatorio di informazioni fiscali relativamente a schemi transfrontalieri a rischio elusione, previsto dal decreto attuativo della direttiva DAC6, coinvolge gli intermediari, intendendosi come tali i consulenti fiscali, gli avvocati, i consulenti finanziari e contabili, ma non solo: l’obbligo di segnalazione riguarda anche altri fornitori di servizi, come le società di consulenza, le banche, le compagnie assicurative o i gestori degli investimenti. Il decreto dispiegherà i suoi effetti dal 1° luglio 2020. Non si deve, però, dimenticare la retroattività consentita dalla direttiva europea: pertanto, gli intermediari fiscali e i contribuenti dovranno esaminare un arretrato relativo agli accordi transfrontalieri, andando indietro fino al 25 giugno 2018, poiché la direttiva DAC 6 si applica con effetto retroattivo.Leggi tutto

Comments are closed.

Contatti