Deposito fiscale e immissione in consumo: l’esigibilità dell’IVA

News Fisco - Studio Venturin Padova
CCNL, tassazione separata per le somme “una tantum” per compensare il periodo di vacatio contrattuale
17 Settembre 2020
News Fisco - Studio Venturin Padova
Iva: giudizio di inerenza solo qualitativo
17 Settembre 2020
News Fisco - Studio Venturin Padova

In tema di deposito fiscale, la mancata valorizzazione dell'IVA delle operazioni di cessioni dei prodotti, che avvengono all'interno dei depositi o che concernono un mero trasferimento tra gli stessi, serve a garantire l'effetto antifrode della disciplina, legando l'esigibilità dell'IVA all'immissione in consumo da deposito fiscale o all'estrazione da deposito di destinatario registrato. Lo ha chiarito l’Agenzia delle Entrate con la risposta a interpello n. 376 del 17 settembre 2020, con cui ha evidenziato che la disciplina prevede delle deroghe o esclusioni, con la conseguenza che il soggetto che immette in consumo il prodotto dal deposito fiscale o che lo estrae dal deposito di destinatario registrato assolve l'IVA nei modi ordinari.Leggi tutto

Comments are closed.

Contatti