Credito ripristinato con definizione dell’atto di contestazione: l’utilizzo in compensazione

News Impresa - Studio Venturin Commercialisti Padova
Coronavirus: ancora obbligatorio l’uso delle mascherine e della distanza di sicurezza interpersonale
3 Agosto 2020
News Lavoro - Studio Venturin - Padova
Smart working: cosa è (e cosa non è) prorogato fino al 15 ottobre
4 Agosto 2020
News Fisco - Studio Venturin Padova

Con la definizione dell'atto di contestazione viene ripristinata, a posteriori, la disponibilità del credito da agevolazione per un importo corrispondente alla somma indebitamente compensata e riversata. Lo ha sottolineato l’Agenzia delle Entrate con la risposta a interpello n. 237 del 3 agosto 2020. Il credito così ripristinato può essere riportato nei periodi successivi, oltre il limite temporale previsto dalla legge istitutiva, e compensato con eventuali debiti tributari e contributi futuri, con la precisazione che tale eccedenza non concorre con gli altri eventuali crediti all'ammontare del limite massimo compensabile, laddove utilizzata oltre il terzo anno successivo a quello in cui la stessa si è generata.Leggi tutto

Comments are closed.

Contatti