Copia relata di notifica o avviso di ricevimento: se disconosciute il giudice può ricorrere a presunzioni

News Fisco - Studio Venturin Padova
Acconti e dichiarazione al 10 dicembre. In attesa del Ristori quater arriva la conferma del Mef
28 Novembre 2020
News Lavoro - Studio Venturin - Padova
Decreto Ristori quater: bonus da 1.000 a 800 euro per precari, autonomi e sportivi
30 Novembre 2020
News Fisco - Studio Venturin Padova

Con l’ordinanza n. 27181 depositata il 27 novembre 2020, la Corte di Cassazione ha esaminato il caso in cui l’agente della riscossione produce in giudizio copia fotostatica della relata di notifica o dell’avviso di ricevimento e l’obbligato contesta la conformità delle copie prodotte agli originali. In questa ipotesi, il giudice che escluda l’esistenza di una rituale certificazione di conformità agli originali, non può limitarsi a negare ogni efficacia probatoria alle copie prodotte, in ragione della riscontrata mancanza di tale certificazione. Deve infatti valutare le specifiche difformità contestate alla luce degli elementi istruttori disponibili, compresi quelli di natura presuntiva, attribuendo il giusto rilievo anche all’eventuale attestazione da parte dell’agente della riscossione, della conformità delle copie prodotte alle riproduzioni informatiche degli originali in suo possesso.Leggi tutto

Comments are closed.

Contatti