Contratto stabile o a tempo determinato con le deroghe Covid: cosa conviene di più

Assunzioni Pnrr, la p.a. si fa in 4
Assunzioni Pnrr, la p.a. si fa in 4
31 Luglio 2021
Abbigliamento e confezioni aziende industriali, rinnovato il CCNL
Abbigliamento e confezioni aziende industriali, rinnovato il CCNL
2 Agosto 2021
Contratto stabile o a tempo determinato con le deroghe Covid: cosa conviene di più

La legge di conversione del decreto Sostegni bis ha fissato al 30 settembre 2022 il limite temporale entro cui è ammessa una maggiore flessibilità sulla durata dei contratti a termine, prevedendo che la stipula di un contratto a tempo determinato di durata superiore a 12 mesi, ma non eccedente i 24, sia ammessa, oltre che per le causali già previste dal decreto Dignità, anche per specifiche esigenze previste dai contratti collettivi. L’attuale disciplina emergenziale prevede inoltre la possibilità di rinnovo o proroga acausale del contratto a termine. Quanto risparmia il datore di lavoro che instaura un rapporto a tempo indeterminato al posto di un contratto a termine?

Comments are closed.

Contatti