Contratti di lavoro a termine: quando non si applica il contributo addizionale

News Lavoro - Studio Venturin - Padova
Decreto Agosto: bonus COVID-19 da 1.000 a 600 euro, ma non per tutti
5 Agosto 2020
News Lavoro - Studio Venturin - Padova
Validità del DURC: proroga al 29 ottobre 2020, non al 13 gennaio 2021
5 Agosto 2020
News Lavoro - Studio Venturin - Padova

Il contributo addizionale NASpI (pari all’1,4%) dovuto dai datori di lavoro privati che stipulano contratti a termine, anche in somministrazione, si applica alla generalità dei rapporti non a tempo indeterminato, fatte salve una serie di eccezioni che nel tempo sono state chiarite e ampliate dal legislatore. Il decreto Dignità ha previsto un aumento dello 0,5% del contributo in caso di rinnovo dei contratti a tempo determinato, anche in somministrazione. L’INPS ha riepilogato, con la circolare n. 91 del 2020, i casi in cui le aziende non sono tenute a versare il contributo addizionale.

Fonte: IPSOA – Informazione quotidiana su fisco, lavoro e pensioni, bilancio, gestione d’impresa e finanziamenti.

Comments are closed.

Contatti