Contratti a termine: quanto costa alle aziende la proroga “obbligatoria”?

News Lavoro - Studio Venturin - Padova
Cassa integrazione e assegno ordinario: termini di decadenza e revisione delle istanze
22 Luglio 2020
News Lavoro - Studio Venturin - Padova
Congedo Covid-19 entro il 31 agosto: aggiornata la procedura per la fruizione
22 Luglio 2020
News Lavoro - Studio Venturin - Padova

Il contratto a termine crea alle aziende nuovi vincoli e nuovi costi: l’art. 93, comma 1-bis, della legge di conversione del decreto Rilancio stabilisce la protrazione ex lege dei contratti a termine per una durata pari al periodo di sospensione dell’attività lavorativa in conseguenza dell’emergenza da Covid-19. Il differimento del termine finale appare illogico e ingiustificatamente oneroso per i datori di lavoro che, se decidessero di lasciare scadere il contratto al termine originariamente previsto, si esporrebbero alla rivendicazione da parte del lavoratore di un risarcimento corrispondente alla retribuzione per le giornate di lavoro “aggiuntive” riconosciute dalla legge, ma non prestate. Ma restiamo in attesa di indicazioni ministeriali che offrano una lettura diversa e più rassicurante…

Fonte: IPSOA – Informazione quotidiana su fisco, lavoro e pensioni, bilancio, gestione d’impresa e finanziamenti.

Comments are closed.

Contatti