Contratti a termine: quando non si applica la contribuzione aggiuntiva

News Fisco - Studio Venturin Padova
No alle sanzioni per violazione del commercialista infedele che ha agito fraudolentemente
20 Agosto 2020
News Fisco - Studio Venturin Padova
Decreto Rilancio: le risposte delle Entrate nella circolare “multiquesito”
21 Agosto 2020
News Lavoro - Studio Venturin - Padova

Quali sono i contratti a termine esclusi dal versamento dei contributi aggiuntivi di finanziamento alla NASpI? Per aiutare i datori di lavoro ad individuare tali fattispecie contrattuali l’INPS, nella circolare n. 91 del 2020, riepiloga le casistiche non interessate dall’aumento contributivo. Sono esenti: i lavoratori assunti a termine in sostituzione di lavoratori assenti, i contratti di lavoro in apprendistato, i lavoratori a termine dipendenti delle pubbliche Amministrazioni, gli operai a tempo determinato assunti in agricoltura, nonché gli stagionali. Inoltre, sottostanno all’applicazione del contributo maggiorato dell’1,40%, ma non del contributo addizionale dello 0,50%, per ogni rinnovo, i contratti di lavoro a tempo determinato relativi alle assunzioni di lavoratori che svolgono attività di insegnamento, di ricerca scientifica o tecnologica, di trasferimento di know-how.

Fonte: IPSOA – Informazione quotidiana su fisco, lavoro e pensioni, bilancio, gestione d’impresa e finanziamenti.

Comments are closed.

Contatti