Contagio in azienda e responsabilità penale: nessuno scudo totale per il datore di lavoro

Scadenzario Fiscale
10 Novembre 2020: Caf o professionista abilitato: trasmissione dati 730/2020 e modelli 730-4 integrativi
10 Novembre 2020
News Lavoro - Studio Venturin - Padova
Nuovo congedo retribuito per i dipendenti e bonus baby sitter per le partite IVA
10 Novembre 2020
News Lavoro - Studio Venturin - Padova

L’art. 29-bis del decreto Liquidità ha escluso ogni responsabilità penale del datore di lavoro? La risposta è no. La “colpa” dell’impresa può, infatti, consistere, non solo nella violazione della norma del codice civile che impone di adottare tutte le misure idonee a tutelare la sicurezza del lavoratore (art. 2087 c.c.), ma anche in imprudenza, imperizia, negligenza e soprattutto nella inosservanza delle leggi in materia di sicurezza sul lavoro, a cominciare dal T.U. E la responsabilità può gravare non necessariamente sul datore di lavoro, bensì anche o soltanto su altri soggetti.

Fonte: IPSOA – Informazione quotidiana su fisco, lavoro e pensioni, bilancio, gestione d’impresa e finanziamenti.

Comments are closed.

Contatti