Concorso nel reato del consulente: sufficiente la consapevolezza della frode del cliente

News Fisco - Studio Venturin Padova
Aliquote IVA: più flessibilità agli Stati UE
18 Gennaio 2018
News Lavoro - Studio Venturin - Padova
Apprendisti in distacco: ammesso il tutoraggio in diversa unità produttiva
18 Gennaio 2018
News Fisco - Studio Venturin Padova

La consapevolezza che il proprio cliente stia commettendo una frode cui comunque il consulente vi partecipa, nella specie, mediante l’apposizione di visto di conformità per certificare crediti inesistenti poi indebitamente compensati, è sufficiente per configurare il concorso nel reato tributario di indebita compensazione. Il sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente scatta anche nei confronti del professionista a nulla rilevando che non abbia tratto alcun beneficio dagli illeciti
A precisarlo è la Corte di Cassazione, sezione 3 penale con la sentenza n. 1999 depositata il 18 gennaio 2018.Leggi tutto

Comments are closed.

Contatti