Concorrenza: le violazioni sono passibili di doppia ammenda

News Lavoro - Studio Venturin - Padova
Equo compenso: la Regione Lazio approva la legge che tutela i liberi professionisti
4 Aprile 2019
News Lavoro - Studio Venturin - Padova
Malattia trasporto pubblico locale: risorse ripartite per l’anno 2013
4 Aprile 2019
News Impresa - Studio Venturin Commercialisti Padova

Un’autorità nazionale garante della concorrenza può infliggere ad un’impresa, nell’ambito di una stessa decisione, un’ammenda per violazione del diritto nazionale della concorrenza e un’ammenda per violazione del diritto dell’unione. In una situazione del genere l’autorità garante della concorrenza deve tuttavia assicurarsi che le ammende considerate congiuntamente siano proporzionate alla natura dell’infrazione. E’ quanto ha dichiarato la Corte di Giustizia UE nella causa n. C-617/17 con sentenza del 3 aprile 2019.

Fonte: IPSOA – Informazione quotidiana su fisco, lavoro e pensioni, bilancio, gestione d’impresa e finanziamenti.

Comments are closed.

Contatti