Compensazione IVA non spettante: al contribuente la prova di esistenza e spettanza del credito

News Lavoro - Studio Venturin - Padova
Welfare aziendale tra decontribuzione e detassazione, con quale convenienza?
14 Settembre 2020
News Fisco - Studio Venturin Padova
Bonus sanificazione: per la compensazione in F24 manca ancora il codice tributo
14 Settembre 2020
News Fisco - Studio Venturin Padova

Anche nel giudizio penale l’imputato può sottoporre questioni attinenti all’esistenza e alla spettanza del credito, nel caso di specie in riferimento al reato di indebita compensazione, che devono essere oggetto di accertamento. Pertanto, ricade sul contribuente l’onere di provare la correttezza della propria condotta e di allegare eventuali impugnazioni presentate innanzi al competente giudice tributario. È quanto ha chiarito la Corte di Cassazione, con la sentenza n. 25922 depositata l’11 settembre 2020.Leggi tutto

Comments are closed.

Contatti