Circolare SV n.06 del 29 settembre 2021 – GLI ADEMPIMENTI PER LA VERIFICA DEL GREEN PASS NEL SETTORE PRIVATO

Assegno temporaneo per figli minori: proroga dei termini per la richiesta degli arretrati
Assegno temporaneo per figli minori: proroga dei termini per la richiesta degli arretrati
30 Settembre 2021
30 Settembre 2021: Libro unico del lavoro: stampa e consegna
30 Settembre 2021: Libro unico del lavoro: stampa e consegna
30 Settembre 2021

lo scorso mercoledì 22 settembre, è entrato in vigore il decreto legge n. 127/2021 che introduce misure urgenti per assicurare lo svolgimento in sicurezza del lavoro privato e pubblico mediante l’estensione dell’ambito applicativo della certificazione verde COVID-19.

Facciamo presente che nonostante il controllo del Green pass non costituisca trattamento del dato ai fini privacy , il lavoratore delegato dovrà comunque  avere idonea formazione, al pari di  un incaricato al trattamento del dato, così da non incorrere in comportamenti illeciti.

Inoltre in occasione della nomina dei lavoratori incaricati alla verifica dei Green pass, sarebbe necessario aggiornare il GDPR di privacy aziendale. 

Riteniamo utile ricordare cos’è e come si ottiene la certificazione verde Covid-19 (Green Pass).

Trattasi della certificazione, rilasciata in formato digitale e stampabile dalla piattaforma nazionale del Ministero della Salute, quando si è in presenza di uno dei seguenti presupposti:

  1. avvenuta vaccinazione anti-SARS-CoV-2, al termine del ciclo prescritto. La validità è di 12 mesi a far data dal completamento del ciclo vaccinale;
    2. avvenuta vaccinazione anti-SARS-CoV-2, limitatamente alla prima dose di vaccino. La validità parte dal 15° giorno successivo alla somministrazione fino alla data prevista per il completamento del ciclo vaccinale;
    3. avvenuta guarigione da COVID-19, con contestuale cessazione dell’isolamento prescritto in seguito ad infezione da SARS-CoV-2. La validità è di 6 mesi a far data dall’avvenuta guarigione;
    4. effettuazione di test antigenico rapido o molecolare (quest’ultimo anche su campione salivare) con esito negativo al virus SARS-CoV-2. La validità è di 48 ore dall’esecuzione del test.Nota bene:

Nei casi 1, 2 e 3, la validità del green pass cessa qualora, nel periodo di vigenza dello stesso, l’interessato sia identificato come caso accertato positivo al SARS-CoV-2.

Circolare SV n.06 del 29 settembre 2021 (verifica green pass nel settore privato)

Comments are closed.

Contatti