Cessioni a catena: a quale operazione attribuire la non imponibilità IVA

News Fisco - Studio Venturin Padova
La firma illeggibile sulla cartolina di ricevimento non inficia la validità della notifica
16 Ottobre 2020
News Impresa - Studio Venturin Commercialisti Padova
Arrivano le trimestrali del Ftse Mib in attesa del giudizio di S&P
19 Ottobre 2020
News Fisco - Studio Venturin Padova

L’art. 36-bis della direttiva IVA regolamenta le cessioni a catena, identificando il criterio da adottare per verificare, nelle operazioni intracomunitarie che coinvolgono almeno tre soggetti, a quale delle operazioni possa essere applicato il regime di non imponibilità IVA. In particolare, qualora lo stesso bene sia successivamente ceduto e sia spedito o trasportato da uno Stato membro a un altro direttamente dal primo cedente all’ultimo acquirente nella catena, la spedizione o il trasporto sono imputati unicamente alla cessione effettuata nei confronti dell’operatore intermedio. La spedizione o il trasporto sono imputati unicamente alla cessione effettuata dall’operatore intermedio se questi ha comunicato al cedente il numero di identificazione IVA attribuitogli dallo Stato membro a partire dal quale i beni sono spediti/trasportati.Leggi tutto

Comments are closed.

Contatti