Cessione pro solvendo e fallimento: il cessionario può emettere note di variazione in diminuzione IVA

News Fisco - Studio Venturin Padova
Sisma Centro Italia: pubblicate le specifiche tecniche per la trasmissione dei dati dei finanziamenti agevolati
1 Aprile 2019
News Lavoro - Studio Venturin - Padova
Reddito di cittadinanza: istanze sospese in attesa dei modelli aggiornati
1 Aprile 2019
News Fisco - Studio Venturin Padova

Il soggetto insinuatosi nel passivo, diverso rispetto a quello che ha assolto l’IVA al momento dell’effettuazione dell’operazione, può emettere note di variazione in diminuzione dell’Imposta sul valore aggiunto. Lo ha chiarito l’Agenzia delle Entrate che ha specificato come in caso di cessione pro solvendo del credito, se con la chiusura del fallimento l’infruttuosità della procedura è formalmente accertata in via definitiva in capo al soggetto che si è insinuato nel passivo, sotto il profilo sostanziale, i suoi effetti si riverberano in capo al cedente che, quindi, con la cessione pro solvendo è responsabile dell’inadempimento del debitore.Leggi tutto

Comments are closed.

Contatti