Cessione di crediti deteriorati: conviene trasformare le DTA in credito d’imposta?

News Fisco - Studio Venturin Padova
Dl Rilancio: i chiarimenti sui crediti di imposta per spese di sanificazione, acquisto di dispositivi e adeguamento degli ambienti di lavoro
11 Luglio 2020
News Impresa - Studio Venturin Commercialisti Padova
Le grandi banche Usa aprono la stagione delle semestrali. A Milano riapre l’aeroporto di Linate
13 Luglio 2020
News Fisco - Studio Venturin Padova

Il decreto Cura Italia ha introdotto un nuovo regime speciale di conversione delle attività per imposte anticipate (DTA): la società che cede a titolo oneroso crediti non onorati trascorsi 90 giorni dalla scadenza può trasformare, previa opzione, le attività per imposte anticipate riferite alle perdite fiscali non ancora computate in diminuzione dal reddito imponibile alla data della cessione, nonché le eccedenze ACE non ancora dedotte alla medesima data. Ai fini della trasformazione in crediti d’imposta, le DTA possono essere considerate per un ammontare massimo non eccedente il 20% del valore nominale dei crediti ceduti, che possono essere considerati per un valore nominale massimo di 2 miliardi di euro. Quanto è possibile risparmiare?Leggi tutto

Comments are closed.

Contatti