Buoni pasto: per il limite di esenzione rileva unicamente il valore nominale

News Fisco - Studio Venturin Padova
Credito d’imposta IRAP: spetta all’agricoltore per l’attività di agriturismo in cui non abbia dipendenti
12 Febbraio 2019
News Fisco - Studio Venturin Padova
Indennità risarcitorie corrisposte nell’ambito di accordi transattivi: rilevano ai fini IRES
12 Febbraio 2019
News Fisco - Studio Venturin Padova

Ai fini del limite di esenzione dal reddito di lavoro dipendente dei buoni pasto (anche elettronici), non ha alcuna rilevanza il divieto di cumulo oltre il limite di otto buoni pasto stabilito dal decreto ministeriale n. 122 del 7 giugno 2017. Lo ha precisato l’Agenzia delle Entrate con il principio di diritto n. 6 datato 12 febbraio 2019. Il datore di lavoro deve limitarsi a verificare il rispetto dei limiti di esenzione facendo unicamente riferimento al valore nominale dei buoni erogati.Leggi tutto

Comments are closed.

Contatti