Aliquote IRPEF, imposta negativa e premi di risultato: tre pilastri per la riforma fiscale

News Lavoro - Studio Venturin - Padova
Prestazioni pensionistiche: vietata l’uniformizzazione retroattiva dell’età del pensionamento
7 Ottobre 2019
News Fisco - Studio Venturin Padova
Nella trasmissione dei corrispettivi anche i tickets restaurant
8 Ottobre 2019
News Fisco - Studio Venturin Padova

Una riforma fiscale declinata su tre fronti: un accorpamento delle aliquote IRPEF sui primi scaglioni, con conseguente rafforzamento dei redditi medi, soprattutto quelli da lavoro dipendente (attualmente penalizzati rispetto a svariati regimi sostitutivi per altre forme di reddito), un intervento mirato sui redditi da lavoro dipendente per aumentare il netto in busta paga anche ai lavoratori con redditi tanto bassi da non pagare tasse, con l’introduzione di una vera imposta negativa che preveda trasferimenti anche agli incapienti se lavoratori dipendenti, e un rafforzamento degli attuali incentivi fiscali sui premi di risultato. È questa la ricetta presentata dal Centro Studi di Confindustria, nel Rapporto di previsione sull’economia italiana.Leggi tutto

Comments are closed.

Contatti