Accertamento con adesione: termini di decadenza da conciliare con il decreto Rilancio

News Fisco - Studio Venturin Padova
Esonero da TOSAP e COSAP fino al 31 dicembre per i pubblici esercizi
19 Settembre 2020
News Impresa - Studio Venturin Commercialisti Padova
Consiglio europeo straordinario e stime Bce
21 Settembre 2020
News Fisco - Studio Venturin Padova

Nell’ambito dei procedimenti di accertamento sull’abuso del diritto e di accertamento con adesione sono previste specifiche disposizioni che prorogano gli ordinari termini di decadenza e che vanno conciliate con le norme dettate dal decreto Rilancio in ordine allo “sdoppiamento” dei termini di emissione e di notifica degli atti accertativi che scadono entro il 31 dicembre 2020. In particolare, nel procedimento di accertamento con adesione è prevista, in deroga al termine ordinario, una proroga “automatica” di 120 giorni del termine di decadenza per la notificazione dell’atto impositivo qualora, tra la data di comparizione (indicata nell’invito al contraddittorio) e quella di decadenza dell’Amministrazione finanziaria dal potere di notificazione dell’atto impositivo, intercorrano meno di 90 giorni. Quali situazioni si possono verificare?Leggi tutto

Comments are closed.

Contatti